Team Building: un viaggio tra tradizioni ed innovazioni lavorative

Team Building: un viaggio tra tradizioni ed innovazioni lavorative

By Edoardo Monzardo, Socio di JEBO

Sempre più comune e diffuso è l’argomento del team building, strumento distante dalla cultura del lavoro italiana ma ben radicato nelle culture e nelle usanze esterne al “Bel Paese”. 

Ma prima di tutto, cos’è un team building?

È un complesso di attività volte a migliorare o consolidare la comunicazione di un gruppo, altri miglioramenti derivanti da queste attività sono un aumento di fiducia tra i colleghi ed un clima generale più sereno.

Questa cultura nasce nei primi anni quaranta in Gran Bretagna dal pedagogista tedesco Kurt Hahn e la sua scuola di formazione esperienziale Aderdovevy, la vera genitrice di tutte le attività di team building che oggi conosciamo. Da qui inizia a diffondersi prima negli Stati Uniti e poi nel resto d’Europa, in particolare in quella del nord. Il tema di favorire attività di gruppo per ottimizzare un ambiente lavorativo è giunto in Italia relativamente tardi e, ancora oggi, raggiunge solo le realtà più grandi lasciando escluse le più piccole e, considerando che siamo un’economia basata sulla piccola e media impresa, la strada da percorrere per “pareggiare” altri Paesi europei è ancora lunga.

Tanti benefici…Ma anche qualche problematica!

Nelle prime righe di questo articolo sono stati evidenziati alcuni benefici derivanti da queste attività collettive ma è importante sottolineare che possono esserci anche non poche conseguenze negative.
Queste conseguenze negative si identificano principalmente in dipendenti annoiati dall’attività o addirittura infastiditi. Il motivo di questi effetti indesiderati si identifica nell’organizzazione preliminare del tutto, in particolare nel momento in cui si prende la decisione di che tipo di attività svolgere.

La scelta dell’attività è un punto nevralgico in quanto bisogna tenere conto di tutte le richieste del collettivo a cui si fa riferimento e alle varie personalità che lo compongono; per esempio, se nel gruppo di lavoro ci sono alcune persone con il timore delle alte velocità e della guida magari un giro in go-kart non è la migliore delle idee.

Attività outdoor vs indoor!

Abbiamo parlato di go-kart, questa particolare attività è definita come outdoor e si può accostare ad altri team building come la gita fuori porta o il paintball (particolarmente di moda negli ultimi tempi). Vi sono però altre attività, definite come indoor, che molti non considerano come veri e propri team building ma che invece rientrano anche loro in questa famiglia, uno su tutti è il business game.

Analizzando lo strumento dei business game possiamo notare facilmente diversi elementi tipici anche delle attività outdoor come il miglioramento della comunicazione tra collaboratori ed il gioco di squadra ma troviamo anche qualcosina in più, in particolare riusciamo a far emergere, attraverso dei semplici “giochi”, qualità personali fondamentali in ogni ambiente lavorativo, una su tutte la leadership.

Tema in continuo sviluppo!

Detto questo, il tema dei team building è tutt’oggi in continuo sviluppo e aggiornamento, in particolare, sempre prendendo in esame la nostra penisola, si è registrato un boom nel post pandemia di aziende che hanno iniziato a proporre queste attività ai loro dipendenti.

Il gap presente tra l’Italia e gli altri Paesi europei su questa materia, nonostante il boom post pandemico, risulta essere ancora notevole e, prendendo in esame solo la nostra Nazione, risulta esserci disparità tra nord e sud riguardo al numero di aziende che offrono questo tipo di esperienze, in particolare il numero, in percentuale rispetto al totale, risulta calare man mano che si scende verso sud.

Concludo però riportando alcune previsioni svolte da diverse piccole testate indipendenti secondo cui, tenendo presente il vertiginoso aumento del numero di aziende che hanno sposato la cultura del tema building e la sempre più galoppante globalizzazione, presto il sud Italia e le isole colmeranno il gap, prima con il resto d’Italia e poi con l’Europa intera.

Edoardo Monzardo

E tu pensi che il team bulging sia utile per la crescita interna dell’azienda? Faccelo sapere nei commenti!

Make. Lead. Inspire.

JEBO

Team Building: a journey through working traditions and innovations

Increasingly common and widespread is the topic of team building, a tool that is distant from the Italian work culture but well rooted in cultures and customs outside the “Bel Paese”. 

But first of all, what is team building?  

It is a complex of activities aimed at improving or consolidating the communication of a group; other improvements resulting from these activities are an increase in trust between colleagues and a more serene general climate. 

This culture originated in the early 1940s in Great Britain by the German educationalist Kurt Hahn and his Aderdovevy school of experiential training, the true parent of all the team building activities we know today. From there it began to spread first to the United States and then to the rest of Europe, particularly northern Europe. The theme of encouraging group activities to optimise a working environment came to Italy relatively late and, even today, it only reaches the largest realities, leaving the smallest excluded, and, considering that we are an economy based on small and medium-sized enterprises, there is still a long way to go to ‘catch up’ with other European countries.

So many benefits… But also some problems! 

In the first lines of this article, some benefits of these collective activities were highlighted, but it is important to point out that there can also be quite a few negative consequences. These negative consequences are mainly identified in employees being bored by the activity or even annoyed. The reason for these undesirable effects is to be found in the preliminary organisation of the whole, particularly when the decision is made as to what type of activity to carry out.

The choice of activity is a crucial point as one has to take into account all the demands of the group to which one refers and the various personalities that make up the group; for example, if there are some people in the group with a fear of high speeds and driving, perhaps a go-kart ride is not the best idea. 

Outdoor vs indoor activities!

We have talked about go-karting, this particular activity is defined as outdoor and can be combined with other team building activities such as a field trip or paintball (particularly fashionable in recent times). There are, however, other activities, defined as indoor, that many do not consider as real team building but which also fall into this family, one of which is the business game.

Analysing the tool of business games, we can easily notice several elements that are also typical of outdoor activities, such as improving communication between employees and team play, but we also find a little something more, in particular we can bring out, through simple ‘games’, personal qualities that are fundamental in any working environment, one above all leadership.

Theme in continuous development!

Having said this, the subject of team building is still under continuous development and updating, and in particular, again taking into consideration our peninsula, there has been a post-pandemic boom in the number of companies that have started to propose these activities to their employees. 

The gap between Italy and other European countries on this subject, despite the post-pandemic boom, is still considerable and, taking only our country into consideration, there is a disparity between the north and south with regard to the number of companies that offer this type of experience, in particular, the number, as a percentage of the total, decreases as one moves south.

I will conclude, however, by reporting some forecasts made by several small independent newspapers according to which, bearing in mind the vertiginous increase in the number of companies that have espoused the culture of theme building and the increasingly galloping globalisation, soon the south of Italy and the islands will close the gap, first with the rest of Italy and then with the whole of Europe.

Edoardo Monzardo

And do you think team bulging is useful for internal company growth? Let us know in the comments!

Make. Lead. Inspire.

JEBO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *